Post in evidenza

CONTO ALLA ROVESCIA ALLA SETTIMANA DEL BLACK FRIDAY

In attesa della Settimana del Black Friday approfitta degli sconti in tutte le nostre categorie, come Elettronica, Informa...

lunedì 21 dicembre 2015

PAOLO BORSELLINO



Paolo Borsellino by Film e Video Gratuiti



Paolo Borsellino è il titolo di una miniserie televisiva (due puntate da 100 minuti) del 2004, diretta dal regista Gianluca Maria Tavarelli e andata in onda su Canale 5 in Prima tv l'8 e il 9 novembre 2004, totalizzando un ascolto medio di 10.834.000 spettatori (share 35.60% - 41,94%). La serie è stata trasmessa in replica il 17 marzo 2008 su Rete 4 per il ciclo Le storie di top secret, nonché il 19 luglio 2012 e 2015 in occasione dell'anniversario della Strage di via d'Amelio.
Ambientata a Palermo, narra la storia dal 1980 al 1992 del pool antimafia dei giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, sotto la guida di Rocco Chinnici, e successivamente dal giudice Antonino Caponnetto, nella disperata e impegnata guerra contro la mafia.



Il giudice Paolo Borsellino apprende dalle indagini del capitano dei carabinieri Emanuele Basile - in seguito assassinato in un agguato - della prossima alleanza tra la mafia cittadina e quella corleonese. Insieme ai colleghi Giovanni Falcone e Rocco Chinnici, Giuseppe Di Lello, Leonardo Guarnotta e ai commissari Giuseppe Montana e Ninni Cassarà, Borsellino crea un pool investigativo sulla "nuova" mafia dedita al traffico di droga e in grande espansione, grazie all'appoggio di banchieri e politici locali. I successivi clamorosi arresti trasformano Borsellino e i suoi collaboratori in un bersaglio della mafia. Il primo a cadere sarà Rocco Chinnici nel 1983, per un'autobomba nei pressi della propria abitazione.
Intanto le rivelazioni del boss pentito Tommaso Buscetta portano al primo maxiprocesso, che decapiterà Cosa Nostra; il pool si trova ad essere esposto a un rischio enorme: i commissari Montana e Cassarà vengono assassinati a distanza di pochi giorni nell'estate del 1985, mentre la vita blindata dei superstiti si fa sentire con tutto il suo peso sulla famiglia Borsellino: è in particolare la figlia adolescente del giudice a pagarne il prezzo più alto, ammalandosi di anoressia nervosa.
Nei primi anni novanta Giovanni Falcone ottiene la creazione a Roma della Direzione nazionale antimafia, ma viene ucciso insieme alla moglie Francesca Morvillo e alla scorta, prima di poterne assumere la direzione. Ormai consapevole della fine prossima, e della presenza di traditori nello stesso Palazzo di Giustizia, Borsellino si isola sempre di più, continuando le indagini dei colleghi e cercando, per quanto possibile, di preparare i familiari e i fedeli agenti della scorta all'inevitabile fine, che avverrà il 19 luglio 1992 con un attentato mafioso in via d'Amelio, a Palermo.



Fonte: Wikipedia

Nessun commento:

Posta un commento

Payza: La migliore alternativa a PayPal. Iscriviti Gratis

Payza: La migliore alternativa a PayPal. Iscriviti Gratis
Utilizzato da tutte le PTC: alto livello di sicurezza, facile utilizzo, bassi costi.